Il Piccolo Caronte di Sergio Algozzino e Deborah Allo

Il Piccolo Caronte di Sergio Algozzino e Deborah Allo

71tbzyfgrwlTitolo: Il Piccolo Caronte

Autore: Sergio Algozzino e Deborah Allo

Data di pubblicazione: 16 Marzo 2017

Editore: Tunué (Prospero Books)

Prezzo: 16,90€

Voto: da-leggere-subito

Dove comprarlo: Clicca QUI

Trama: Caronte, il traghettatore di anime, sparisce. Al suo posto arriva il piccolo Mono, suo figlio. Un bambino che non ha per niente voglia di sostituire il padre e assumersi una tale responsabilità. Un bambino che va incontro al suo destino viaggiando e conoscendo vari personaggi capaci di fornirgli la sicurezza necessaria per un incarico così importante. Con un filo di ironia lo sceneggiatore, Sergio Algozzino, lancia il piccolo Caronte nell’oscurità illustrata dalla talentuosa Deborah Allo.

La mia Recensione

Ciao a tutti cari amici lettori! Eccomi tornata con una nuova recensione, di una nuova Graphic Novel!

La storia racconta del piccolo Mono, il figlio di Caronte. Dopo che suo padre è sparito misteriosamente, Mono dovrà affrontare vari personaggi ed imparare tutto quello che c’è da sapere sulla nascita della vita, sulla vita nella Terra o nel mondo dei vivi e sIMG_5393ulla morte.

Ho potuto ricevere anche questa Graphic Novel al Be comics di Padova, e giuro questa è l’ultima di cui vi parlo questo mese ahahah! Ad ogni modo la disegnatrice, Deborah, aveva preparato alcuni albi già con un disegno ed ho potuto scegliere quale portarmi a casa! e guardate quanto è bello l’autografo! Qaunto bello non è?  Insieme mi hanno dato anche un segnalibro abbinato che vi faccio vedere nella video recensione che potete vedere cliccando QUI, e sono rimasta super, iper incantata da questa storia!

Mi ha ricordato un po’ la Divina Commedia, una rivisitazione dell’inferno di Dante in chiave moderna, e con battute spesso umoristiche a sfondo nerd, cosa chiedere di più?

Ho trovato particolare ed originale l’idea di parlare di un piccolo Caronte e di come vengano gestiti di era in era i traghettatori delle anime nell’aldilà. Passando all’aspetto più tecnico del fumetto, i disegni sono meravigliosi e molto particolari, sembra quasi che siano fatti a matita passando sopra il digitale ma non restano mai totalmente definiti, anche i connotati dei personaggi hanno spesso molti segni, il che li rende più cuoriosi e un po’ mistici. IMG_5394Le vignette inoltre non sono normali rettangoli rigidi ma anzi, sono create con linee morbide, a me hanno ricordato quasi gli incavi di una caverna, come a simboleggiare il fatto di essere nell’Oltre tomba. Il ritmo del fumetto è fantastico e da molto respiro alla sotoria, infatti troviamo tavole dai colori caldi ma molto scure, per poi passare a tavole con lo sfondo totalmente bianco, doppie pagina piene, e a volte personaggi scontornati. Questo fa sì che il nostro occhio si rilassi e ci permetta di gustare a pieno anche la scena.

Il personaggio che vi viene presentato all’inizio di Caronte è fantastico, avremo poi anche le “Moire”, che mIMG_5395i hanno ricordato le Parche in Percy Jackson e Hercules della Disneyy, sono dei personaggi che adoro ogni qualvolta vengano caratterizzati diversamente, gli autori le hanno fatte proprie e non ho potuto non farmele piacere! Come vi dicevo il fumetto nonostante le atmosfere cupe, spesso è molto ironico e sfocia nel lato nerd, citando diversi argomenti tra cui: Le fiere, Star Wars e i Soprano, telefilm adorato da me e mia madre. Il fumetto poi si compone in quattro grandi capitoli: Inferno, Vita, Morte e Caronte. Nel quale noi seguiamo il piccolo Mono che affronta la dura verità delle cose, sebbene il fumetto spesso mi ha strappato un sorriso, alla fine fa anche riflettere, fa vedere come un bambino, sebbene nato nell’Oltretomba, sia molto più sensibile alla morte di molti altri. Quando incontrerà Hypnos, fratello di Morte, gli verrà più chiaro qual è il suo compito e come deciderà di comportarsi prendendo il ruolo di suo padre.

Leggendo questa storia mi è sembrato di immergermi in un Mito Greco, una leggenda, ma con una spruzzata di ironia e di modernità. Ovviamente penso che la storia non sia fine a se stessa ma che in quesa graphic novel troviamo anche dei valori, come la crescita, affrontare il nostro destino, ma anche le puare, affrontare la morte specialmente se magari è di un nostro caro. Hypnos farà anche capire al piccolo che la Morte anche se non è violenta, porta comunque sofferenza negli altri, non c’è nulla da fare.

Come avrete notato ho dato ben cinque stelle a questo fumetto, è stata un piccola perla, letto in una sola seduta, e amato in tutti i suoi aspetti, nella storia, nei disegni, nei dialoghi e nei colori. Ammiro davvero tanto gli autori per il lavoro che hanno fatto e non vedo l’ora di vedere qualcos’altro di suo!

Cosa ne pensate? Lo avete letto, lo leggerete? Amate anche voi le rivisitazioni come questa? Fatemlo sapere.

Al prossimo articolo, io vi stritolo forte e vi aspetto!

Rita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...