Senza Filtri di Lily Collins

Senza Filtri di Lily Collins

81fq7ixd6ylTitolo: Senza Filtri. Nessuna vergogna, nessun rimpianto, soltanto me

Autore: Lily Collins

Data di pubblicazione: 28 Settembre 2017

Editore: Fabbri Editore

Prezzo: 15,90€

Voto: da-leggere-subito

Dove comprarlo: Clicca QUI

Trama: Ogni ragazza, prima o poi, si trova davanti a delle sfide importanti: accettare il proprio corpo, affrontare relazioni difficili, superare paure che sembrano insormontabili. Ed è successo anche a Lily. Lily sa che cosa vuol dire vivere per metà nella luce e per metà nel buio. Anche lei sa cosa vuol dire lottare per salvarsi. Significa guardarsi allo specchio e amarsi, accettare di essere strane e vulnerabili, ma proprio per questo meravigliose. E spesso, per riuscire a fare quel piccolo grande passo, basta qualcuno che ti prenda la mano e che ti dica che non sei solo.

La mia Recensione

Buon pomeriggio cari amici lettori! Come state? Cosa state leggendo? So che è un po’ che non scrivo sul blog ma, ehi, sono viva! E se ancora non lo sapete ho un canale youtube che tengo molto più aggiornato e dove condivido pensieri e parole con voi tre giorni a setimmana (quando riesco a fare incastrare tutto!).

Comunque, cambiando argomento e parlando di cose più serie: FINALMENTE UNA NUOVA RECENSIONE!

Ebbene sì, grazie a Fabbri Editore anch’io ho potuto leggere il meraviglioso racconto di Lily Collins, ma non l’ho fatto da sola! No, perchè ho letto questo piccolo libro prezioso insieme ad Anna che sta diventando sempre di più la mia anima gemella nella lettura, anche lei come me ha un blog di cui vi lascio il link cliccabile QUI! Approdata da poco su Youtube e adesso si è trasferita qui su WordPress periò andate a trasmetterle tutto il vostro amore e sostegno.

Passiamo ora a parlare del libro in questione che abbiamo procrastinato anche troppo direi! Come (spero) sparete tutti Lily Collins è un’attrice ormai diventata abbastanza famosa ma con un passato non proprio rosa e fiori. Di fatti in questo libro vengono affrontati diversi argomenti tra cui la bulimia e l’annoressia, l’abuso psicologico su una donna, il sentirsi sempre inferiori e mai perfette e anche il significato che dà Lily ai suoi tatuaggi. O i rapporti che ha sia con la madre che con il padre (Il musicista Phil Collins).

Ho amato questo libro, per la sua spontaneità e per la scorrevolezza che ci da Lily facendoci sentire una sua pari e non inferiori a lei.

Ritengo che questo libro sia adatto a tutti, che possano leggerlo maschi e femmine e di ogni età, perchè se si sta affrontando un brutto periodo per raggiungere un’obbiettivo, questo libro fa sicuramente al caso vostro. Dentro al libro inoltre troviamo qualche foto che accompagna il racconto e cosa che ho trovato davvero utile sono state le due lettere che scrive Lily: Quella a se stessa ma che possiamo prendere in considerazione anche noi e di fare le sue parole nostre e quella al padre, emozionanti e commoventi. Sicuramente qualcuno di voi riuscirà a rivedere se stesso in qualcosa da quelle lettere, vi consiglio di stamparle o copiarle e di tenerle nella vostra agenda o nella vostra borsa o perchè no anche in camera dove possiate sempre leggerle.

Ora, come mai non ho dato cinque stelline piene? Il mio voto ufficiale du goodreads è 4.5 perchè una cosa che mi ha fatto un po’ storcere il naso è stata la “sensazione” che il filo conduttore di tutto il libro siano state le relazioni che lei ha avuto con i propri fidanzati. Ora, è ovvio che le relazioni sono una grande fetta della nostra vita (se non quella più grande), ma il fatto che si ritronasse e si rimarcasse il fattore della relazione amorosa mi ha lasciato giusto una puntina di amaro in bocca, sono una persona che ritiene che a un certo punto le relazioni passate, restino nel passato e non vengano più tirate fuori se ci fanno stare solo male, certamente Lily ce ne ha parlato per darci un certo contesto per un’argomento pesante come l’abuso psicologico, ma il fatto che poi questi “fantasmi” ritornassero anche quando stava parlando della sua ripresa sul proprio corpo o sulla forza che doveva trovare per interpretare un certo personaggio, mi hanno lasciato così.

Ad ogni modo è un libro che esprime nonostante i temi pesanti, autostima e voglia di riscattarsi, una lettura fresca e frizzante che ho apprezzato molto e da cui si possono trarre veramente dei bei spunti di conversazione come abbiamo fatto io ed Anna.

Questa era la mia recensione, ma vi ricordo che uscirà anche la video recensione sul canale e vi invito a darci un’occhio appena uscirà e per sapere quando, iscrivetevi per restare sempre aggiornati!

 

Annunci
Il Naso Che Non Sbagliava Mai di Barroux e Malachy Doyle

Il Naso Che Non Sbagliava Mai di Barroux e Malachy Doyle

91dh2bju0e2lTitolo: Il Naso Che Non Sbagliava Mai

Autore: Barroux e Malachy Doyle

Data di pubblicazione: 28 Settembre 2017

Editore: Clichy Edizioni

Prezzo: 15€

Voto: da-leggere-subito

Dove comprarlo: Clicca QUI

Trama: Milo è un adorabile cagnolino il cui naso va matto per il cibo! Non può resistere a seguire la sua scia, neanche se lo conduce in situazioni un po’ imbarazzanti… Milo è così costretto a seguire il suo naso ovunque lo porti: fuori dalla porta, nel parco, all’ultimo piano di un grattacielo e perfino nello spazio! Ma il naso di Milo riuscirà anche a riportarlo a casa? Seguite Milo come lui segue il suo naso in questa dolce e divertente avventura e vi ritroverete sulla luna!

La mia Recensione

Buongiorno ragazzi e ben tornati sul blog! Oggi è lunedì perciò direi di iniziare la settimana consigliandovi una lettura super fresca e carina! Per i piccini ma anche per i più grandi e gli appassionati di animali, sopratutto dei nostri amici cinofili! Parliamo di un’albo illustrato edito Edizioni Clichy con delle pagine davvero grandi e colorate.

Questo è il secondo libro che leggo dell’autore e come il primo, mi è piaciuto davvero tanto perchè è una lettura tenerissima, dalle pennellate grosse e definite, dai colori brillanti e contornata da un pizzico di ironia. Essendo inoltre io una padrona di una cagnolone, mi sono divertita ancora di più a leggerlo, anche se, se il mio cane finisse nello spazio a bordo di uno shuttle, non so come farei a non preoccuparmi!

Ad ogni modo è un albo che consiglio davvero tanto, l’ho fatto vedere anche ai miei cuginetti e ne sono rimasti entusiasti, le pagine sono meravigliose e si sfogliano con piacere seguendo la storia del nostro amico a quattro zampe!

Perciò non mi resta da fare altro che cosigliarvelo assolutamente!

E voi? avete amici a quattro zampe? Lo leggerete?

Fatemelo sapere!

Alla prossima recensione, un’abbraccio,

Rita.

Il dono. I Guardiani di Newsbury di Simona Giamberardini

Il dono. I Guardiani di Newsbury di Simona Giamberardini

51t20FWxrhLTitolo: Il Dono. I guardiani di Newsbury

Autore: Simona Giamberardini

Data di pubblicazione: /

Editore: Amazon Publishing

Prezzo: 0,99€

Voto:  da-leggere-subito

Dove comprarlo: Clicca QUI

Trama: Newsbury sembrerebbe, ad un primo sguardo, una semplice cittadina immersa tra le colline inglesi: dodicimila abitanti, un aspetto comune e prettamente provinciale con i suoi negozi, i pub e i pettegolezzi che corrono veloci tra le strade selciate. Ma di comune Newsbury non ha assolutamente nulla e Gabriel non ci ha messo molto a scoprirlo. Gli è bastato conoscere Luna, l’esuberante cameriera della caffetteria L’Impiccato, per capire che in quel luogo quasi tutti nascondo un segreto, proprio come lui che da Boston ha attraversato l’oceano per nascondere altrove la creatura che da anni gli vive dentro. Ma cosa si cela davvero dentro il suo corpo e nella sua mente?
Con la guida dell’enigmatico Phillip Hunt e della sempre più interessante Luna, Gabriel imparerà ogni cosa sul mondo a cui appartiene, il mondo degli Outsiders, dove l’impossibile non è poi così irraggiungibile e dove ogni essere umano è libero di mostrare il proprio Dono, senza mai sentirsi giudicato. Ma… c’è sempre un ma. E se Gabriel, Luna e gli altri ragazzi con il Dono scoprissero che i loro già enormi poteri, nascondono qualcosa di ancora più straordinario?
Perdetevi in un fantasy che vi trascinerà in un mondo dove niente è davvero come sembra, dove la magia è reale e il concetto di normalità verrà cambiato per sempre. Attraverso le strade di una Londra malinconica, intraprenderete un viaggio che vi porterà fino ai confini del giardino dell’Eden dove i nostri protagonisti capiranno che essere straordinari non è mai stato così pericoloso.

La mia Recensione

Buon pomeriggio ragazzi e ben tornati in una nuova recensione (finalmente). Innanzi tutto mi dovete perdonare se è un po’ che non posto recensioni ma ogni volta le cose si accavallano e io mi ritrovo con un mialiardo di cose da fare in una volta sola, organizzazione dove sei?

Ad ogni modo, oggi sono qui per parlarvi di un libro di una giovane autrice, che potete trovare su Amazon.

Simona mi ha chiesto se gentilmente potessi leggere la sua opera ed eccomi qui. Devo dire che per me è abbastanza difficle recensire libri di autori italiani che mi contattano direttamente, ho sempre paura di sembrare sgarbata anche se dico semplicemente la verità, perciò spero davvero che la mia recensione possa aiutare Simona come autrice e voi cari lettori nella scelta del libro.

Iniziamo perchè sta volta ho fatto il lavoro per bene e ho preso un sacco di apputi, specialmente sul Kindle ho preso parecchie note.

Partiamo dalle cose negative, via il dente, via il dolore. L’ambientazione inizialmente difficile collocare (nella mia mente per lo meno) si concentra poi con luoghi specifici della nostra cittadina. Sfortunatamente ho riscontrato parecchi errori grammaticali, banali, e non temporali, sto parlando di singole parole, quindi sarebbe bastato un’occhio di riguardo in più nella stesura dei vari capitoli.

Ma non temete! L’autrice mi ha detto di aver corretto tutto perciò era un “problema” della mia copia pdf.

 

Molte vole non ho capito i dialoghi, nel senso, facevo fatica in certi punti a capire chi parla, ad esempio prima abbiamo due personaggi e poi ci troviamo da un’altra parte, ma si capisce dopo un paio di righe, probabilmente aver avuto più capitoli (magari anche più brevi così da aumentare il ritmo e la suspance), avrebbe reso il libro più scorrevole, o anche tre asterischi separatori che ci portavano da una location ad un’altra.

Mi sento inoltre di dividere il libro in tre grandi parti che chiamerò: L’inizio, la parte centrale e la fine. Nella prima parte per l’appunto si riscontrano parecchi errori, e ci si sofferma molto sulla storia d’amore (a parer mio molto insta love), l’insta love può essere una scappatoia, ma deve essere ben struttura (per quanto poi dopo io abbiamo i personaggi e l’intreccio che viene fuori tra loro, ma ne parleremo più tardi).

La protagonista Luna, è abbastanza anti convenzionale non essendo la solita ragazza alta, magra e super bella ma essendo anzi una ragazza un po’ in carne che purtroppo però mi ha rimandato veramente tanto a Clary di Shadowhunters, la cosa può essere voluta ma ho trovato queste atmosfere di: Shadowhunters, Doctor Who (una frase specifica), Once Upon a time, il trono di spade, e anche un pochino Supernatural sulla parte finale, che alla fin fine non dico che stufino ma con i contenuti “nerd” bisogna fare attenzione e sfruttarli bene, come ad esempio la frase che viene utilizzata dove compare il trono è palese che si stia parlando di quello, mentre quando di mettono cose che richiamano i tv show si finisce con il cadere a volte nel banale, altre volte nel plagio perchè subito quando ho letto la frasi di Doctoro Who ( da grande amante quale sono), mi ha un po’ disturbata perchè sembra che la scena del telefilm sia riportata nel libro, è una frase che ci sta assolutamente con la trama, ma attenzione ragazzi, mai cadere nel banale ripeto. Se avessimo avuto un personaggio chiave che fa dei riferimenti nerd, allora sarebbe stato diverso. Spero di essermi spiegata.

All’inizio non capiamo bene i poteri che presenta la protagonista ma ci vengono svelati piano piano, attenzione lei li possiede già ma siamo noi lettore che dobbiamo scoprire quale sia, non so se questa cosa sia positiva o rallenti la narrazione.

In alcune scene ovviamente è presente il clichè, ma sinceramente non c’ho fatto più di tanto caso.

Come primo libro abbiamo veramente tantissimi personaggi che vengono presentati, prima alcuni poi altri, essendo il primo libro probabilmente avrei dosato meglio.

Dopo la metà il libro inizia ad ingranare e migliorare molto, ma c’è ancora molta lentezza e tante, tante, tante cose da dire concentrate all’ultimo.

Mi sono comunque piaciute le relazioni che ci sono tra due personaggi, specialmente Lola e Michael, sono stati i personaggi che ho trovato più veri e la loro storia mi è piaciuta molto.

Ma anche qui devo fare un’appunto, in una scena li vediamo da una parte, ma non sappiamo quando siano partite e perchè ma che stanno tornando quando poco prima erano dove dovevano essere.

Come il mistero che circonda il loro mentore, William, che mi ha subito ricordato praticamente Jem e Will (shadowhunters) fusi inisiem, rimane non svelato. E mi dispiace perchè ci si poteva lavorare sopra e trovare una bella storia.

Come ultima cosa, assolutamente Hunt, uno dei personaggi principali e che so essere uno dei preferite dell’autrice… Non mi è piaciuto. Fa delle uscite di scena che non si spiegano, un momento decide di dire tutta la verità ai ragazzi, poi invece li invita ad una festa, fa lo scontroso con Gabriel quando all’inizio era super neutrale, non mi è piaciuta molto la sua caratterizzazione diciamo, sebbene il suo racconto finale sia molto bello, come già detto, è troppo corposo e denso lasciato alla fine.

Attenzione però, la storia di fondo mi piace molte e se studiata meglio a parer mio il libro avrebbe un grande potenziale, assolutamente. Ma ci sono veramente troppe informazioni come primo libro e troppe cose che restano in sospeso, meglio meno ma scritto meglio, il troppo stroppia.

Detto questo l’ultima cosa che mi sento di consigliare all’autrice e che a parer mio avrebbe fatto risultare il libro più scorrevole ma anche intrigante sarebbe stato un prologo, anche una nota dell’autrice e dei ringraziamenti sarebbero stati graditi (cosa che io amo leggere per vedere da dove nasce l’idea).

Ecco qui dunque, il mio voto effettivo è 3.5 quasi, quasi quattro stelline, se avessi trovato meno errori.

Cosa ne pensate di questa storia? Vi intriga? Fatemelo sapere!

Un bacione,

Rita.

Lola And The Boy Next Door (Il primo amore sei tu) di Stephanie Perkins

Lola And The Boy Next Door (Il primo amore sei tu) di Stephanie Perkins

510dkexfe2lTitolo: Lola and The Boy Next Door (Il primo amore sei tu)

Autore: Stephanie Perkins

Data di pubblicazione: 23 Gennaio 2014

Editore: Penguin Speak

Prezzo: 10.99$

Voto: da-leggere-subito

Dove comprarlo: Clicca QUI

Trama: Lola ha diciassette anni, un gusto un po’ stravagante per la moda, e tre piccoli, piccolissimi desideri. Primo andare al ballo della scuola vestita da Maria Antonietta. Secondo convincere i genitori che Max è il fidanzato migliore del mondo. Terzo non rivedere più Cricket Bell. Mai più. A volte però il destino gioca brutti scherzi e la famiglia Bell al completo si trasferisce nella casa proprio di fronte a quella di Lola. All’improvviso la ragazza sente il mondo crollarle addosso. Per due anni ha faticosamente tentato di dimenticare Cricket, e ora tutti i suoi sforzi sembrano vanificati. Cricket è di nuovo lì, davanti ai suoi occhi, e con lui il ricordo di ciò che è stato e di quell’ultima giornata insieme… Lola è sicura di aver voltato pagina con Max e di non provare più niente per Cricket. Ma allora perché sente il cuore batterle all’impazzata ogni volta che lo incontra? Forse perché il primo amore non si scorda mai?

La mia Recensione

Lola è una ragazza con una grande passione per i vestiti particolare, una famiglia straordinaria composta da due padri e un cagnolino, un ragazzo che suona in una band ed è più grande di lei; lei pensa sia quello giusto ma dopo qualche tempo di assenza… Il suo vicino Cricket, e suo primo amore, torna nella casa accanto. Lola si trova quindi in una situazione di stallo, dove deve scegliere quello che è giusto e quello che vuole. Cricket è un ragazzo dolce, intelligente, premuroso e piace ai genitori di Lola, ma lei è accecata dall’amore per Max, il suo attuale ragazzo, e frenata dalle cose che sono successe in passato con Cricket.

La storia è molto focalizzata su Lola, e sulla famiglia, sull’essere diversi e imparare a piacersi e non dare troppo peso a ciò che contanto gli altri. La storia è molto dolce e tenera, mi sono piaciuti i personaggi, come i “padri” di Lola che sono presenti nella vita della figlia.

Ma mi aspettavo molto di più dal secondo libro di questa companion novel, nel primo libro “Anna and The Franche Kiss” o in italiano  “il primo bacio a Parigi”, la città non fa solo da sfondo ma anche da protagonista e si fonde talmente bene con la storia che sembra un personaggio a se stante che aiuta Anna e St. Clair, mentre in Lola, ci troviamo a San Francisco, che però non viene descritta tanto quanto la città del primo libro, abbiamo dei riferimenti al parco che si chiama con il vero nome di Lola (Dolores), ma prevalentemente la storia si focalizza sulle vicende dei personaggi, specie sui due protagonisti.

Non ero nemmeno rimasta troppo entusiasta del primo libro, sebbene mi fosse piaciuto, e avevo sentito che Lola fosse il migliore, ma ahimè, ho trovato dei clihè che mi hanno fatto leggermente storcere il naso.

Anche alcuni atteggiamenti della protagonista, specie quando insieme a Max non mi sono piaciuti, sebbene lei sia sedicenne, ci sono stati dei comportamenti che io non avrei mai avuto e che non ritengo siano adatti ad una ragazza di quell’età, ma forse il mio punto di vista mi fa dire questo perchè sono cresciuta e più grande di lei, non saprei.

Rimane comunque un libro molto dolce e carino che consiglio agli amanti del genere e come lettura leggera. Io, inoltre, ho letto il libro in lingua originale e sebbene abbia tirato un po’ per le lunghe la lettura a causa di impegni, vi assicuro che il livello è facile/medio. Ci sono alcuni termini che con un traduttore a portata di mano vi possono aiutare a capire meglio il senso della frase, per il resto è davvero semplice e scorrevole.

 

E Poi Ci Sono Io di Kathleen Glasgow

E Poi Ci Sono Io di Kathleen Glasgow

81gwtbdrotlTitolo: E Poi Ci Sono Io

Autore: Kathleen Glasgow

Data di pubblicazione: 7 Settembre 2017

Editore: Rizzoli

Prezzo: 18,00€

Voto:da-leggere-subito

Dove comprarlo: Clicca QUI

Trama: «Tutto quello che si rompe, comprese le persone, si può aggiustare. Ecco come la penso io.» A soli diciassette anni, Charlotte Davis ha già trovato un rimedio per calmare la sofferenza che prova. Per non pensare all’amato padre che ormai non è più con lei, per non pensare alla sua migliore amica che l’ha lasciata, per non pensare a una madre che da molto tempo non la capisce, a Charlie basta avere a portata di mano un pezzo di vetro. Un coccio di bottiglia, un gesto secco, un taglio sulla pelle: e dentro si fa largo una specie di sollievo. Charlie è ricoverata in un istituto psichiatrico di St. Paul, nel Minnesota, un microcosmo abitato da altre ragazze come lei, ragazze sole, ognuna un mondo da decifrare, ognuna intrappolata in un diverso dolore. Boccioli di donne ancora troppo chiusi, duri, terrorizzati dall’aprirsi alla vita, sprovvisti di misure di difesa e dunque trascinati via dalla corrente dell’autolesionismo. Le ragazze tra di loro si prendono in giro, si raccontano, immaginano il futuro, c’è chi vorrebbe uscire di lì e chi invece vuole restare al riparo di quelle mura. Charlie, al momento delle dimissioni, non sa dove andare, dato che la madre non la vuole con sé. Sarà allora nella lontana Arizona, dove il sole è rovente e un amico l’aspetta, che potrà provare a riconquistare uno spazio di gioia e nuovi progetti. Il lavoro in una tavola calda e certi inattesi incontri sono linfa benefica, ma quel suo debole entusiasmo viene deluso in fretta: per ricominciare davvero, allora, cosa serve?

La mia Recensione

Non si esattamente da dove cominciare per esprimere quello che ho provato leggendo questo libro. In primis probabilmente tanta rabbia, poi tristezza pietà, ma mi ha fatto anche riflettere tanto. So che sembrano quei soliti discorsi banali sulla vita, ma forse abbiamo bisogno di questi discorai banali. Ho riflettuto tanto, sulla mia situazione, sulla mia vita, sulle persone che conosco e su ció che forse sarei potuta diventare se non avessi continuamente accanto qualcuno che mi sostiene, che crede in me nonostante tutti i miei sbagli e nonostante la mia vita mi porto, sofrtunatamente e spesso, delle grandi bastonate. Charlie non ha tutte queste persone, è una persona sola, depressa (termine che svalutiamo sempre, che prendiamo sul ridere, quando non dovremmo) è giovane, è arrabbiata, ha bisogno di una guida. Da una parte penso che per quanto sia difficile da mandare giù questo libro, puó essere una guida, se letto da una persona coscienziosa e che SA di quello che sta leggendo e comprende. Ma una ragazzina come Charlie che si ritrova davanti a questa lettura e sta cadendo sempre più giù nel baratro di quella che è la vita? Non sono sicura che per quella determinata persona (ragazza o ragazzo che sia), possa essere una lettura “necessaria”, i ragazzi di oggi tendono facilmente a dissociarsi o anche solo a provare cose nuove, perchè sono raggazzini… per questo do tre stelline, è stata una lettura dolorosa, che ho fatto un po’ fatica ad affrontare sinceramente. Ho trovato la storia pesante, mi sono ritrovata a chiedermi perchè, perchè lo doveva fare e non era forte? Ma andando avanti e riflettendo sulla storia ho capito, e purtroppo ho capito anche che con la cosa che è “l’autolesionismo” bisogna venire a patti e non pensarla come una cosa astratta. A chiunque leggerà il libro consiglio di leggere anche la nota finale dell’autrice, che forse mi ha detto più di quanto abbia fatto la storia in se. I libri come questi sono “necessari” perchè fanno riflettere, ma fanno riflettere di più noi, quelli che distolgono lo sguardo, che non dicono niente o noi, che abbiamo bisogno di aiuto ma quasi ci costringiamo a retare chiusi nel silenzio perchè pretendiamo che la gente ci capisca, noi che abbiamo bisogno di affetto ma in primis non sapppiamo darlo. Ci sono tanti “noi”, tante e tanti “Charlie”. È stata una lettura densa, ricca in un certo senso, piena di qualcosa, mi ha fatto riflettere e la consiglio anche a voi. Do anche tre stelline perchè credo che il libro debba essere rivolto ad un pubblico abbastanza maturo per contenuti espliciti, sia di scene che di linguaggio.

Viktoria di Gaia Cardinali

Viktoria di Gaia Cardinali

81rase6kmalTitolo: Viktoria

Autore: Gaia Cardinali

Data di pubblicazione: 31 Agosto 2017

Editore: Tunué (Tipitondi)

Prezzo: 14,90€

Voto: da-leggere-subito

Dove comprarlo: Clicca QUI

Trama: Nell’Europa del ‘500 l’epica cavalleresca incontra i fratelli Grimm. In questa fiaba travolgente l’amore e la ribellione si annodano alla perdita e al ritorno. Quando la sua famiglia lascia Strasburgo per trasferirsi in un piccolo borgo, Viktoria, incurante delle punizioni paterne e dei presagi sinistri del fratello malato, si abbandona al fascino della Foresta Nera e al dolce magnetismo di un legame proibito, finchè la verità la richiama a se per segnare il suo destino. Gaia Cardinali firma una fiaba sbrigliata, fatta di colori densi e linee sicure, in cui l’amore e la ribellione si annodano alla perdita e al ritorno.

La mia Recensione

 “Mi ero detta che sarebbero stati solo quattro passi. Una piccola avventura e poi subito di corsa a casa. Ma quando tornai dimenticai una parte di me nella foresta.”

Nuovo gioiellino edito Tunuè tipitondi, la collana per i più piccoli, e, come al solito, resto affascinata dalle storie che ci lasciano gli artisti italiani, ed emergenti. Subito la cover mi ha attirato con i suoi colori autunnali e nordici. La storia parla di Viktoria, una ragazza sognatrice e ribelle contro il padre e che non vuole ammettere la malattia del fratello così decide di avventurarsi nella foresta, descritts magnificamente dalla matita della Cardinali con i suoi colori magnetici, e con le fantasie di Viktoria che l’accompagnano ovunque vada, come un cavaliere (e non una principessa), che affronta le sue paura, coraggioso.

Nella foresta inoltre incontrerà Anya, una ragazza molto diversa da lei ma non per questo le starà distante, anzi, non avendo pregiudizi e volendo essere diversa, Viktoria farà amicia con lei, fin quando il destino non deciderà il suo corso…

Ho adorato la storia ed i disegni, questa graphic novel è stata una piacevolissima sorpresa autunnale, sono corsa insieme a Viktoria nella foresta, inisieme a tutte le sue fantasie ed i suoi racconti, mi sono immersa completamente nella magia che travolge questo personaggio.

Ma non tutto è rosa e fiori, infatti questa storia è dolce amara, un po’ come le vere fiabe dei Grimm, senza tanti fronzoli o elementi ” disneyani” (passatemi il termine) ad addolcirci la pillola.

Il finale è un colpo al cuore che stravolge il lettore, ma che fa riflettere, e sono queste le letture che ci piacciono, i fumetti che ci piacciono! Quelli che lasciano qualcosa dentro, che sia una sensazione di calore al cuore o anche una fucilata di sentimenti. Che ti provocano rabbia, sgomento e che ti fanno riflettere sulle diversità della vita, sui pregiudizi, sul diverso, su ciò che è diverso e che ancora oggi viene perseguitato e che l’uomo più di una volta non vuole dare ascolto, rimane cieco davanti alla realtà e preferisce agire d’impulso, senza sapere a cosa andrà in contro. Il destino decide per lui.

All’inizio sono rimasta completamente spiazzata dalla storia e da come si è conculsa (per questo vi consiglio tantissimo la lettura anche per aprire un dialogo, e non ostante sia una lettura per i più piccoli può comunque portare ad argomenti profondi e di attualità), ma dopo un po’, riflettendoci, capisco dove volesse arrivare l’autrice e il messaggio che volesse far passare.

Quindi ovviamente, non posso fare altro che consigliarvi la lettura!

The Hate U Give di Angie Thomas

The Hate U Give di Angie Thomas

611eufnk2b4lTitolo: The Hate U Give. Il coraggio della verità.

Autore: Angie Thomas

Data di pubblicazione:

Editore: Giunti Editore (Waves)

Prezzo: 14,00€

Voto: da-leggere-subito

Dove comprarlo: Clicca QUI

Trama: Starr si muove tra due mondi: abita in un quartiere di colore dove imperversano le gang ma frequenta una scuola prestigiosa, soprattutto per volere della madre, determinata a costruire un futuro migliore per i suoi figli. Vive quasi una doppia vita, a metà tra gli amici di infanzia e i nuovi compagni. Questo fragile equilibrio va in frantumi quando Starr assiste all’uccisione di Khalil, il suo migliore amico, per mano della polizia. Ed era disarmato. Il caso conquista le prime pagine dei giornali. C’è chi pensa che Khalil fosse un poco di buono, perfino uno spacciatore, il membro di una gang e che, in fin dei conti, se lo sia meritato. Quando appare chiaro che la polizia non ha alcun interesse a chiarire l’episodio, la protesta scende in strada e il quartiere di Starr si trasforma in teatro di guerriglia. C’è una cosa che tutti vogliono sapere: cos’è successo davvero quella notte? Ma l’unica che possa dare una risposta è Starr. Quello che dirà – o non dirà – può distruggere la sua comunità. Può mettere in pericolo la sua stessa vita.

La mia Recensione

Non è semplice riuscire a descrivere tutti i sentimenti ed i pensieri che mi frullano in testa al termine di questa lettura. Specialmente scrivendone, ma sinceramente mi risulterebbe difficile anche a parole. Il mio voto, probabilmente potrà dirvi qualcosa a riguardo, ma “The Hate U Give” si merita, ed è molto di più di cinque stelline piene. Questo libro, è un mare tormentato di sentimenti e pensieri, di emozioni, di lacrime. Ho pianto dall’inizio, avevo i lucciconi a quasi ogni capitolo, e provavo rabbia, tristezza, insieme a Starr. Ma ho anche adorato i personaggi, la sua famiglia, e nonostante tutto, il quartiere in cui lei vive. è una realtà, c’è.

Questo libro è violento, è crudo, è vero. Dovreste leggerlo tutti, e sebbene sia una lettura semplice, trattandosi di uno YA, tratta di temi profondi e non banali. Il razzismo è una cosa talmente radicata nella società di oggi che dovrebbero esserci più libri come questo, più voci, più Starr che gridano a squarciagola quello che provano e dicono la verità, e dovremmo smetterla con i pregiudizi, ma imparare ad ascoltare, a pensare, a ragionare e non ad evitare. Dovremmo essere come Maya o come Chris. Quando leggerete questo libro, capirete il perchè.

Sono veramente contenta di aver avuto la possibilità di leggere questo libro, ci vogliono testi come questi. E, a dirla tutta, se fossi un’insegnante, lo proporrei come lettura ai ragazzi.

Puntavo questo romanzo dalla sua uscita in lingua e sono felicissima che sia arrivato a noi.

Nella fascieta laterale sull’autrice potrete leggere che i diritti sono stati comprati per la realizzazione del film, e non vedo l’ora di vedere Starr e la sua storia sul grande schermo, sperando che resti fedele al libro.

Nell’attesa vi consiglio due film, perchè io non ho letto il libro, molto simili sull’argomento. Toccanti, ma uno è anche uno dei miei film in assoluto.

– The Help

– Precious

E infine, vi invito a leggere questo piccolo gioiellino YA.